Il fallimento. Esiste un segreto recondito sconosciuto dietro a questa parola, che può cambiare la tua vita…

Da anni sentiamo le persone schiacciate dal peso di ciò che nella loro vita è stato un fallimento.
Il proprio lavoro, la propria azienda, ma

così anche la propria vita professionale, sentimentale, finanziaria, affettiva, e in vari campi.
Perché avviene questo reale avvilimento?
Esiste un segreto nascosto, un emblema culturale che è giusto conoscere per cambiare vita fin da subito..

Perché fallire schiaccia così pesantemente la testa delle persone, la loro moralità, la loro anima in maniera perenne?
E’ capitato a me come a tutti, con la conseguenza di mesi, e talvolta anni di buio totale dell’anima, e mi sono posto questa domanda mettendo in atto una ricerca storica e psicologica.

Un giorno, mentre parlavo dei miei fallimenti, mi venne fatta una domanda, che mi fece… aprire gli occhi, riflettere, pensare.. stupire.

“ma sono stati fallimenti, oppure delle cose che non sono andate come ti eri preventivato, come avevi pensato, come doveva essere?”

In effetti, mi fermai a riflettere attentamente.

Tutti quei contesti ai quali avevo attribuito un “fallimento”, in realtà erano delle situazioni dove le cose che avevo pensato e creduto all’inizio, non erano semplicemente andate come preventivato. Ci avevo messo l’anima con tutto l’impegno del mondo.

Ogni situazione parte sempre con le migliori previsioni, con la carica, la grinta, con gioia e desiderio e altre volte con l’esaltazione assoluta (trovi un’interessante valutazione nell’articolo dedicato sull’esaltazione che troverai nel blog MIPAI).

Poi cosa avviene? Semplicemente certe cose si sviluppano in maniera diversa, in maniera minore o troppo esagerata, o non si sviluppano proprio.
Tutto qui. E questo avviene pressochè sempre.

Può avvenire per la nuova fidanzata, o con il marito, o nella sfera professionale, o con l’apertura del nuovo negozio.
Le cose non sono andate semplicemente come ci si aspettava.
Sembrerebbe chiaro ed elementare.
Eppure il “Fallimento”, questa parola così gravosa, ci affossa l’anima solo nel pronunciarla.

Le ragioni sono pressochè storiche e culturali, molto radicate nel nostro paese e nella nostra religione.

La prima cosa che mi è saltata all’occhio, è senza dubbio il fatto che in altri paesi, come ad esempio l’Inghilterra, la concettualità di fallimento praticamente non esiste.

Se hai un’attività, un’impresa e non è andata bene, semplicemente, non è andata come era nelle previsioni. (Che certamente nella mente del promotore erano i presupposti positivi migliori del mondo).
Tutto li.

Significa semplicemente che quell’impresa chiude e ce ne sarà un’altra con altre idee, altri programmi e progetti.

Cosa avviene invece nel nostro paese, connesso alla nostra specifica cultura?

Succede che: HAI FALLITO. Sei un perdente. Esiste una punizione molto gravosa, una punizione legale, fiscale, oltre che varie inibizioni spesso a riprendere ogni attività, oltre che la punizione morale, quella più opprimente, quella che vivrai e sconterai per sempre, ogni giorno con la tua anima.

Se non ti hanno punito abbastanza, ti autopunisci tu. Ti erodi dentro.

La cultura italiana, in tutti i suoi risvolti, punisce il fallimento. Dentro e fuori.

La stessa religione cattolica, che viene professata dalla massa, presuppone che il fallimento, l’errore, preveda una penitenza con successiva assoluzione.

E anche se molti dicono di non professarla, comunque ne hanno vissuto gli influssi da sempre, frequentando i catechismi, la scuola e ne hanno assunto le ideologie.

Pertanto, ecco la radice che solca i nostri pensieri e crea la nostra vita. (Come sempre…)

Ogni pensiero spesso è dettato da ideologie culturali di massa, che vanno a deviare la vera essenza.

Per questo noi del Mipai, ci dissociamo e cerchiamo di avere un nostro pensiero, una nostra strada, una nuova ideologia, quella che sia più funzionale alla nostra crescita, alla nostra vita e al nostro obiettivo.

In altre nazioni l’orientamento culturale è difforme.
Come abbiamo visto sopra, le imprese sostanzialmente non falliscono.

Così come nella vita. Non hai fallito.

In altri paesi, semplicemente, dinnanzi ad un errore o ad una cosa “non andata come era stata inizialmente pensata”, l’orientamento è semplicemente quello di non farlo più, di non ripetere l’errore.

La stessa religione pone delle differenze sostanziali rispetto alla religione cattolica.
Non vige la penitenza e l’assoluzione.

Ma semplicemente un: “le cose non sono andate come avevi preventivato? Non farlo più”.

Si pensi che ad esempio nella religione ortodossa, viene benedetto il secondo matrimonio a patto che il coniuge non abbia una responsabilità reale per la chiusura del precedente rapporto.

I cattolici pongono un essere umano come tramite, per dare il messaggio universalmente giusto per tutti dettato dalla bibbia.

Nelle altre religioni, come anglicani e protestanti, si determina che nessun uomo sia infallibile tanto da parlare di cose universalmente giuste per tutti, e che solo Dio possa essere infallibile.
Una differenza sostanziale e non da poco.

Per quanto concerne la bibbia.. tutti sono “abilitati a comprenderne il significato”

Questo articolo non è stato stilato per professare un credo piuttosto che un altro, oppure per abilitare una religione o una cultura a scapito di un’altra.

La libertà è la cosa più bella e importante del mondo.

Piuttosto è utile comprendere come la cultura e l’orientamento di un paese, le ideologie religiose e culturali, siano talvolta determinanti nel bene e nel male su tante problematiche esistenziali delle persone.

Domanda: se tu fossi nato in Ghana, penseresti ciò che pensi oggi della vita, del mondo, dell’amore, del lavoro o altro? Probabilmente no.

Sei semplicemente “programmato” a pensare esattamente ciò che la cultura del tuo paese professa come universalmente giusto.

Stacchiamo la spina e formattiamo il sistema. (I virus solitamente spariscono durante il processo..)

Ritengo personalmente che la parola “fallimento” deva essere abolita dal vocabolario, soprattutto quello italiano, perché porta dietro di se uno strascico profondamente negativo dentro le anime delle persone affossando in maniera sproporzionata l’essenza e la vita di ognuno di noi.

Se non lo faranno loro (il che è molto facile..) abolisci tu dal tuo vocabolario questa atroce parola.

Adesso anche tu poniti questa domanda:

Hai fallito veramente? Oppure semplicemente le cose che avevi pensato, creduto e voluto non sono andate come avevi previsto? Semplicemente non sono andate così?

Se per caso la risposta si colloca nella seconda categoria, allora potrebbero cambiare molte cose nella tua vita…
Semplicemente ripartendo.. e facendo meglio.

E sarà un bel vivere.
Una nuova strada, il bivio giusto.

Massimiliano Acerra
Allenatore Mipai


Lascia un tuo commento in relazione al tema trattato. Hai fallito anche tu? In un tuo progetto, investimento, relazione o lavoro? Come ti sei sentito? Cosa hai fatto?

 

IMPORTANTE: Mipai è il “movimento internazionale per il raggiungimento della pensione anticipata indipendente”.
Insieme mettiamo in atto il NOSTRO stile di vita, il nostro protocollo e i nostri metodi certificati ed “Evergreen” per raggiungere questo obiettivo con la serenità dell’anima.

ACCEDI al nostro mini-corso in 6 lezioni gratuite per comprendere ed attuare il sistema ed i protocolli MIPAI che portano tutti alla pensione anticipata indipendente.
Accedi al corso “MIPAI START IN ACTION”


Calcola la tua pensione anticipata indipendente con il calcolatore proprietario MIPAI.
Scopri in quanto tempo puoi raggiungerla!


Se non lo hai già fatto, accedi al canale Telegram MIPAI, per stare ancora più “vicini”. Con aggiornamenti e soprattutto audio, pensieri e parole del giorno. A sorpresa.

Accedi al canale You tube MIPAI. Condividiamo tutta la nostra evoluzione. E’ il canale principale dove visionare in video la nostra avventura, il nostro percorso.

Accedi al gruppo “MIPAI – Opportunità Vincenti” su Facebook dove lavoriamo insieme su tutti i metodi e le strategie e le alternative per creare una vita di rendite e grandi soddisfazioni. Per interagire.

PUOI FAR CONOSCERE I METODI E LA FILOSOFIA MIPAI AI TUOI AMICI FACENDO CIRCOLARE QUESTO REPORT.

PER DIVENTARE UN SOSTENITORE MIPAI, accedi qui.  Avrai accesso ai nostri percorsi di vita per raggiungere la pensione anticipata indipendente.

Per qualunque informazione o richiesta puoi scriverci o commentare.

Siamo e saremo sempre con te, nel cammino di vita verso la pensione anticipata indipendente.

0 0 vote
Article Rating

Unisciti alle migliaia di persone che hanno scoperto come creare e raggiungere la propria Pensione Autofinanziata Indipendente.

Prenota una chiamata con un Allenatore MIPAI e richiedi il tuo piano gratuito di pensionamento personalizzato.

Grazie a questo piano e all'aiuto dell'Allenatore scoprirai quale risultato puoi raggiungere, come ed in quanto tempo.

Ogni grande obiettivo inizia sempre con il primo passo!

COS’É IL MIPAI

Il MIPAI (Movimento internazionale per la pensione anticipata indipendente) è il primo ed unico movimento di persone che hanno un obiettivo ben preciso:

“raggiungere la pensione in pochi anni, in maniera autofinanziata e indipendente, senza inps, assicurazioni o altri intermediari.”

L’unica alternativa concreta all’Inps per raggiungere la pensione in maniera anticipata e con molti più soldi.

Post Recenti

I migliori broker per investire

Per iniziare ad investire o per creare il tuo piano di accumulo, che ti porterà alla tua pensione anticipata indipendente, avrai necessariamente bisogno della giusta

Read More »

Post Popolari

Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Matteo
Matteo
1 anno fa

Max non smettere mai di scrivere queste newsletter , perché aprono gli occhi a molte persone ma soprattutto ti danno ancora più carica per arrivare al risultato che ci siamo prefissati , PENSIONE ANTICIPATA INDIPENDENTE.
Grazie per quello che fai

Alessandro Giannelli
Alessandro Giannelli
1 anno fa

Grazie Max. Ci voleva questo articolo per farci capire che molte volte dopo aver commesso errori ci affossiamo da soli pensando al fallimento subìto, tanto che la paura di doverne subire altri ci blocca e non ci fa ripartire nuovamente in modo più consapevoke, evitando i comportamenti sbagliati commessi nel passato.

Alessandro Giannelli
Alessandro Giannelli
1 anno fa

Grazue Max. Molte volte si commettono errori che portano ad una sconfitta, ma la paura del fallimento ci fa rimanere bloccati e non ci fa ripartire con la consapevolezza di poter seguire una nuova strada evitando gli ertori commessi nel.passsto.

3
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x