trading on line

CFD: COSA SONO E CHE OPPORTUNITÀ D’INVESTIMENTO TI OFFRONO

Fare trading con i CFD può essere un’ottima opportunità d’investimento di breve termine, facendo anche operazione giornaliere.
Come in tutti i tipi di investimenti, il rischio c’è e può variare in funzione del tipo di operazioni che si vogliono svolgere.

In particolare, i CFD offrono la possibilità di utilizzare delle leve, anche molto alte, che aumentano sicuramente i rischi legati all’investimento, ma al contempo possono portare anche dei guadagni veramente molto alti.

Tutto sta, come diciamo sempre noi, nell’avere un metodo e una strategia, che ti porti a controllare i rischi e a massimizzare i profitti, come spieghiamo nello specifico anche nella nostra Master School.

Chi siamo?

Noi del MIPAI abbiamo scelto di raggiungere il pensionamento anticipato in maniera autofinanziata, attraverso una strategia chiara e precisa, gli strumenti giusti e un modello vincente.

La filosofia MIPAI consiste proprio nel prendere in mano la propria situazione finanziaria e la propria vita, andando a costruire una pensione indipendente in maniera autonoma e creando una garanzia per il proprio futuro.

In questo articolo cercheremo di spiegarti, nella maniera più semplice possibile, cosa sono i CFD e quali opportunità di guadagno ti offrono.

Noi li utilizziamo per fare operazioni a breve termine, con lo scopo ultimo di alimentare in maniera più consistente il nostro fondo pensione autofinanziato, e raggiungere la nostra indipendenza in tempi record!

CFD: che cosa sono?

I CFD (o contratti per differenza) sono strumenti finanziari derivati che permettono di operare sui movimenti futuri dei prezzi di un mercato, senza dover possedere l’asset sottostante. (indici, forex, azioni e materie prime)

Sono, a tutti gli effetti, “un accordo” tra un broker e un cliente, per pagare la differenza tra il prezzo di apertura e chiusura di un titolo.

I CFD sono derivati da contratti futures. 
Un contratto futures è un accordo tra due parti, che concordano un prezzo per un determinato titolo o merce all’apertura del contratto. 

I CFD lo fanno in modo semplice ed economico. Non hai bisogno di grandi quantità di capitale o dell’esperienza che possiedono gli investitori istituzionali. 

Il trading di CFD, infatti, che consente azioni frazionarie, posizioni lunghe e corte flessibili e che viene effettuato in tempo reale. Offre agli investitori vantaggi che non esistono nel trading tradizionale.

Caratteristiche dei CFD

I CFD sono prodotti di marginazione e il trader deve sempre mantenere il livello di margine minimo.
Una caratteristica tipica del trading con i CFD è il fatto che guadagno e perdita ed esigenze di marginazione sono calcolati sempre in tempo reale e visibili dal trader sul proprio schermo.
Nello specifico vediamo alcune caratteristiche principali:

  • Posizioni short e long
  • Leva
  • Margine

Andare short o long con i CFD

Il trading con i CFD ti permette di operare sui mercati rialzisti e ribassisti. In questo modo puoi sia trarre profitto quando il prezzo del mercato sale, sia quando il prezzo del mercato scende.
Quando vendi si dice che “vai short”, e scommetti sulla riduzione del prezzo dell’asset sottostante, mentre quando compri invece “vai long”, e scommetti sull’aumento del prezzo.

Ad esempio:
Se pensi che le azioni di Coca Cola si deprezzeranno, puoi “aprire una posizione short” e vendere i CFD sulle azioni Coca Cola.

Quando chiuderai la tua operazione, la differenza di prezzo tra l’apertura e la chiusura della posizione determinerà il tuo risultato.

In questo caso, avendo aperto una posizione “short”, otterrai un profitto solo se il prezzo delle azioni sarà calato. Altrimenti, registrerai una perdita se il valore del mercato sarà salito.

CFD in leva

La leva finanziaria nei CFD ha un potere enorme. Quello di permettere la negoziazione dei titoli a margine, quindi un’escursione più grande sui mercati azionari e valutari, con un esborso di capitale ridotto.

Quindi questo permette ad ogni trader un’esposizione maggiore rispetto a quella che potrebbe realmente ottenere con una negoziazione di titoli tradizionali.

Ad ogni modo, anche se è necessario un deposito più basso per aprire una qualsiasi negoziazione, si è comunque esposti al movimento dei prezzi del CFD.

In sintesi, la leva permette di investire solo una piccola parte del proprio capitale negoziando su una posizione molto più alta.

Ad esempio:
Mettiamo il caso che si vogliano negoziare 1.000,00 € di azioni.

Non si devono investire necessariamente 1.000,00 €, ma sfruttando una leva si può raggiungere lo stesso risultato con una parte minore del proprio capitale.

Se ad esempio la leva finanziaria è di 1:20, non si devono versare appunto 1.000,00 €, ma ne basteranno solamente 50,00 €.

Proprio per questo motivo si sono avvicinate al trading CFD sempre più persone.
È un’attività raggiungibile da chiunque, anche a chi non possiede ingenti capitali di partenza.

Ma attenzione, lavorare in leva non significa solo “moltiplicare” i profitti, ma significa anche “moltiplicare” le perdite.

Per questo motivo sconsigliamo vivamente le operazioni in leva a chi non ha un’adeguata preparazione.
Perché in brevissimo tempo si possono letteralmente “bruciare” i propri fondi.

Operare a Margine

I CFD sono prodotti a leva e fare trading con i prodotti a leva viene spesso inteso come “fare trading sul margine”. Il che significa che non dovrai coprire l’intero valore dell’esposizione per operare sui mercati. Al contrario, per aprire una posizione dovrai solamente versare una parte dell’intero controvalore dell’operazione. Questa somma è conosciuta come margine iniziale o margine di deposito.

Nel trading con i CFD ci sono due tipi di margine. Il margine iniziale, detto margine di deposito, è la somma richiesta per aprire una posizione. Il margine di mantenimento, invece, è il versamento aggiuntivo che potrebbe esserti richiesto qualora il mercato prendesse una direzione a te sfavorevole.

A questo punto il broker potrebbe chiederti di aggiungere fondi sul conto. In caso contrario, se i fondi non verranno versati, la posizione potrebbe essere chiusa in automatico.

Dovrai versare un margine iniziale anche quando decidi di andare short.

È dunque rischioso investire in CFD?

Essendo i CFD strumenti in leva, si possono ottenere ottimi guadagni in brevissimo tempo, anche effettuando investimenti minimi.

Ma contemporaneamente, proprio per lo stesso motivo, si può andare incontro anche a delle fortissime perdite, soprattutto se si opera senza un metodo.

Solitamente i broker regolamentati mettono a disposizione strumenti come lo Stop Loss, che permette ai trader di chiudere le posizioni in automatico quando raggiungono ai livelli precedentemente impostati.

In questo modo, per ogni investimento, si può pianificare in anticipo il massimo rischio che può essere raggiunto.

Questo però non è sufficiente a contenere i rischi, per operare con i CFD in leva è importante avere la giusta preparazione, possibilmente avere una strategia ed un metodo preciso e anche una buona gestione dell’emotività, perché nel trading saper gestire l’emotività ha una componente veramente molto importante.

Per chi è consigliato l’investimento in CFD?

Come già detto, il trading con i CFD è un investimento consigliato alle persone che hanno una buona preparazione, o che hanno delle buone strategie di investimento.

Investire in CFD significa principalmente investire a breve termine, e dovrebbe essere uno step già avanzato.

Prima di arrivare a questo tipo di trading bisognerebbe avere un piano d’investimento a lungo termine, che offre delle condizioni molto più semplici e con dei rischi veramente molto inferiori.

L’investimento di breve termine, infatti, come facciamo noi del MIPAI, andrebbe sfruttato per alimentare l’investimento nel fondo a lungo termine, per aumentare esponenzialmente le performance dei tuoi investimenti e permetterti di raggiungere la pensione anticipata indipendente nel minor tempo possibile.

Se sei interessato ad approfondire gli investimenti in CFD, di breve termine, e molto altro, ti consiglio di dare un’occhiata alla nostra MASTER SCHOOL, dove potrai imparare tutte le strategie ed i nostri metodi per gestire in sicurezza le tue operazioni di breve termine:

SCOPRI LA NOSTRA MASTER SCHOOL

Se invece non hai ancora creato il tuo fondo autofinanziato indipendente, e non conosci le strategie di investimento a lungo termine (molto più sicure e molto meno impegnative) ti consiglio di continuare a leggere:

Come possiamo aiutarti noi del MIPAI?

Noi del MIPAI utilizziamo il metodo nr. 1° in Italia per la creazione di una pensione anticipata indipendente.
Offriamo servizi di assistenza e programmi specializzati e protetti per raggiungere il tuo pensionamento in autonomia.

Gli ETF sono tra gli strumenti che utilizziamo nei nostri percorsi. Tramite le nostre strategie di investimento possiamo aiutarti a scegliere i migliori ETF su cui devi iniziare ad investire, ma ti insegneremo anche a gestire con la massima efficienza e sicurezza il tuo piano pensione, per arrivare a costruire la tua pensione anticipata, con metodologie capaci di massimizzare i risultati e proteggere il tuo patrimonio nei casi di storno dei mercati o di crisi economico-finanziarie.

I risultati dei nostri fondi e portafogli vengono pubblicati ogni mese nelle nostre dirette, con i risultati storici correlati.

Tramite il form qui sotto, puoi prenotare una chiamata con un allenatore MIPAI che ti spiegherà meglio cosa facciamo e, soprattutto, ti mostrerà nel dettaglio cosa puoi ottenere creando in maniera efficace e autonoma il tuo fondo vitalizio dedicato al pensionamento.

TRADING ONLINE: COS’È E COME FUNZIONA

Oggi andiamo a capire insieme che cos’è il trading online, perché attira così tanto l’attenzione e cosa ne pensiamo di questo tipo di investimento.

Con la parola trading, il cui significato in inglese è letteralmente “commercio”, si intende quell’attività rivolta all’acquisto o alla vendita di titoli finanziari quotati sulle borse mondiali, tra cui azioni, CFD, opzioni, forex, cripto valute, ecc.

Questo è quello che consideriamo oggi come trading.
Online poiché per fare questi investimenti è sufficiente un computer e una connessione a internet, per il resto puoi farlo comodamente da casa.

Chi siamo?

Noi del MIPAI abbiamo scelto di raggiungere il pensionamento anticipato in maniera autofinanziata, attraverso una strategia chiara e precisa, gli strumenti giusti e un modello vincente.

La filosofia MIPAI consiste proprio nel prendere in mano la propria situazione finanziaria e la propria vita, andando a costruire una pensione indipendente in maniera autonoma e creando una garanzia per il proprio futuro.

In questo articolo cercheremo di spiegarti, nella maniera più semplice possibile, cos’è il Trading Online e quali opportunità di guadagno ti offre.

Noi utilizziamo il Trading per fare operazioni a breve termine, ma con lo scopo ultimo di alimentare in maniera più consistente il nostro fondo pensione autofinanziato, e raggiungere la nostra indipendenza in tempi record!

Trading Online: Tipologie e fattori di scelta

Il trading online ha diversi stili e sceglierli dipende da vari fattori. I più importanti da prendere in considerazione sono senza ombra di dubbio la propria emotività e psicologia.

È proprio imparando a conoscere e gestire questi due elementi che si diventa dei trader di successo, definendo e applicando lo stile adatto alla propria persona.

Ma oltre a questi elementi, ovviamente, è fondamentale avere anche metodo ed una strategia d’investimento vincente, come insegniamo nella nostra Master School.

Ma andiamo a vedere quali sono i principali stili:

  • Trading Intraday
  • Swing trading
  • Scalping
  • Trading di posizione

Trading Intraday

Il trading intraday è un tipo di investimento di breve termine, ovvero giornaliero.
Le operazioni intraday prevedono l’utilizzo di una leva aggiuntiva per generare potenzialmente maggiori rendimenti.

Richiede sempre la ricerca di rendimenti di investimento più elevati rispetto ad altre strategie di trading.
È anche tra gli stili più aggressivi.

Lo stile del day trading prospera grazie all’elevata volatilità, in quanto aumenta il numero di opportunità in quei momenti.

Un day trader di successo comprende l’importanza della coerenza e del potere dei rendimenti composti a breve termine.

Il day trading è adatto solo a coloro che possono dedicare una buona quantità di tempo nello studiare regolarmente i movimenti delle borse.

Swing Trading

La principale differenza tra il trading intraday e lo swing trading è l’orizzonte temporale; infatti, lo swing trading ha sempre la caratteristica dell’investimento di breve termine ma con durata di alcuni giorni, o anche settimane.

Altra caratteristica dello swing trading è la leva utilizzata, che generalmente è inferiore rispetto a chi fa trading intraday.

 Questo stile è adatto a chi piace analizzare i movimenti dei prezzi di breve termine utilizzando l’analisi tecnica, così come analizzare i flussi di denaro, senza però la pressione dell’operatività giornaliera.

Molti trader che utilizzano questo stile, in verità, effettuano anche operazioni intraday. È consigliabile porre l’attenzione su un particolare stile di trading per coloro meno propensi al rischio.

Scalping trading

Lo scalping è una tecnica a brevissimo periodo, si arriva addirittura ad alcuni secondi o minuti.

Utilizzata dagli investitori per generare piccoli profitti ripetuti in breve tempo, aprendo una moltitudine di operazioni nell’arco di un’ora o più. 

Lo scalping è una strategia estrema, resa possibile dall’avvento delle piattaforme di trading online, che permettono di aprire e chiudere operazioni in tempo reale sui mercati finanziari.

Grazie ad esse nasce lo scalping, una strategia che “strappa” al mercato pochi pips per ogni trade aperto.

Lo scalper, ovvero colui che fa trading attraverso tecniche di scalping, dedica all’attività di trading una quantità di tempo inferiore rispetto alle altre tipologie di investitori, tuttavia lo scalping avviene in modo frenetico e richiede velocità di pensiero e di esecuzione delle operazioni, oltre ad una spiccata resistenza allo stress.

Questa strategia va contro molte delle regole principali del trading online, per questo motivo è definita una tecnica estrema, principalmente per il disinteresse rispetto alla tendenza di fondo del mercato e per il mancato rispetto delle percentuali di investimento definite dal money management.

Uno scalper non si cura, dunque, del trend di fondo del grafico perché su time frame molto ridotti risulta ininfluente. Inoltre, l’investitore si assume rischi maggiori a quanto definito dalle regole base di money management, che fissano la quantità massima di capitale impiegabile in un’operazione al 2%.

Trading di posizione

Il trading di posizione è il trading a lungo termine per eccellenza e spesso comporta operazioni che durano diversi anni. Pertanto, è adatto solo agli investitori più pazienti.

Questo è un tipo di stile che ignora le piccole fluttuazioni a breve termine di cui si occupano gli swing trader.

Il trading di posizione implica meno leva rispetto allo swing trading. Il tempo di attesa per ogni operazione è più elevato, poiché questi trader anticipano un grande movimento strutturale futuro.

Sincronizzare il mercato non è la priorità principale per questa categoria di trader, in quanto sono disposti a tenere duro durante i momenti difficili e attendere alcuni mesi per realizzare un grande guadagno. Il suo approccio unisce generalmente aspetti di analisi tecnica e fondamentale. Per poter mantenere posizioni per un periodo di tempo più lungo, devono sentirsi sicuri di ciò che sta accadendo all’interno del mercato su cui stanno investendo.

A chi consigliamo il Trading?

Come già detto, il trading è un investimento consigliato alle persone che hanno una buona preparazione, o che hanno delle buone strategie di investimento.

Fare Trading significa principalmente investire a breve termine, e dovrebbe essere uno step già avanzato.

Prima di arrivare a questo tipo di trading bisognerebbe avere un piano d’investimento a lungo termine, che offre delle condizioni molto più semplici e con dei rischi veramente molto inferiori.

L’investimento di breve termine, infatti, come facciamo noi del MIPAI, andrebbe sfruttato per alimentare l’investimento nel fondo a lungo termine, per aumentare esponenzialmente le performance dei tuoi investimenti e permetterti di raggiungere la pensione anticipata indipendente nel minor tempo possibile.

Se sei interessato ad approfondire gli investimenti di breve termine, e molto altro, ti consiglio di dare un’occhiata alla nostra MASTERSCHOOL, dove potrai imparare tutte le strategie ed i nostri metodi per gestire in sicurezza le tue operazioni di breve termine:

SCOPRI LA NOSTRA MASTER SCHOOL

Se invece non hai ancora creato il tuo fondo autofinanziato indipendente, e non conosci le strategie di investimento a lungo termine (molto più sicure e molto meno impegnative) ti consiglio di continuare a leggere:

Come possiamo aiutarti noi del MIPAI?

Noi del MIPAI utilizziamo il metodo nr. 1° in Italia per la creazione di una pensione anticipata indipendente.
Offriamo servizi di assistenza e programmi specializzati e protetti per raggiungere il tuo pensionamento in autonomia.

Gli ETF sono tra gli strumenti che utilizziamo nei nostri percorsi. Tramite le nostre strategie di investimento possiamo aiutarti a scegliere i migliori ETF su cui devi iniziare ad investire, ma ti insegneremo anche a gestire con la massima efficienza e sicurezza il tuo piano pensione, per arrivare a costruire la tua pensione anticipata, con metodologie capaci di massimizzare i risultati e proteggere il tuo patrimonio nei casi di storno dei mercati o di crisi economico-finanziarie.

I risultati dei nostri fondi e portafogli vengono pubblicati ogni mese nelle nostre dirette, con i risultati storici correlati.

Tramite il form qui sotto, puoi prenotare una chiamata con un allenatore MIPAI che ti spiegherà meglio cosa facciamo e, soprattutto, ti mostrerà nel dettaglio cosa puoi ottenere creando in maniera efficace e autonoma il tuo fondo vitalizio dedicato al pensionamento.

18 termini legati al mondo degli investimenti che tutti dovrebbero conoscere

In questo articolo vogliamo aiutarti a capire meglio come funziona il mondo degli investimenti ed esortarti a prendere il controllo del tuo destino finanziario. 

Se vuoi diventare un investitore, ecco 18 termini che dovresti assolutamente conoscere e che ti aiuteranno a capire meglio come funziona il mondo degli investimenti.

Questo elenco è utile sia a chi è un principiante e vuole cominciare ad informarsi, sia a chi già investe e vuole diventare più esperto.

Chi siamo?

Noi del MIPAI abbiamo scelto di raggiungere il pensionamento anticipato in maniera autofinanziata, attraverso una strategia chiara e precisa, gli strumenti giusti e un modello vincente.
La filosofia MIPAI consiste proprio nel prendere in mano la propria situazione finanziaria e la propria vita, andando a costruire una pensione indipendente in maniera autonoma e creando una garanzia per il proprio futuro.

In questo articolo andiamo a vedere 18 termini importanti che tutti dovrebbero conoscere.

1. Fondo comune

Si tratta di una raccolta di beni di investimento come azioni, obbligazioni, materie prime, altri titoli e fondi gestiti da un gestore professionale o da una società di investimento.

Un fondo comune di investimento si concentra in genere su un tipo di investimento specifico e raccoglie denaro da un ampio gruppo di investitori. Un fondo comune è un modo semplice per un singolo investitore di acquistare in portafogli diversificati svariati titoli o settori e accedere a una gestione professionale.

Le commissioni di gestione solitamente compresa tra il 2% e il 4%, è addebitata ogni anno al fondo dalla società di gestione a titolo di commissione di gestione. (Possono essere previste altre spese, come le spese di accesso o di performance, da verificare PRIMA della stipula)

2. Fondo indicizzato

Questo è un tipo di fondo comune progettato per abbinare o tracciare un indice di mercato importante come l’indice Standard and Poor’s 500 (S&P 500) o il Dow Jones Industrial Average (DJIA).

Un fondo indicizzato è istituito non per battere l’indice di mercato, ma invece per replicare la sua performance. I vantaggi di un fondo indicizzato includono facilità di gestione, minor rotazione del portafoglio e minori costi sia per la parte di operatività che per le commissioni di gestione.

Gli investitori in fondi indicizzati si aspettano di generare rendimenti prossimi al mercato, che spesso sono superiori a quelli che la maggior parte degli investitori realizza anno dopo anno.

3. Azioni

Si tratta di una quota nella proprietà di una società. Quando possiedi azioni di una società, significa che sei uno dei suoi azionisti e hai diritto ai dividendi, quando previsti, e ai diritti di voto della società.

Puoi anche guadagnare dall’apprezzamento del prezzo vendendo le tue azioni quando il prezzo per unità sale.

4. Obbligazioni

Le obbligazioni sono un titolo di debito. Gli esempi includono obbligazioni municipali, obbligazioni societarie, buoni di risparmio e buoni del Tesoro.

Quando si acquista un’obbligazione, si presta essenzialmente denaro al mutuatario (emittente dell’obbligazione) con la speranza di generare reddito dal pagamento degli interessi (cedola) durante la vita dell’obbligazione e di riavere il capitale (valore nominale dell’obbligazione) alla data di scadenza prevista.

Più è lontana la data di scadenza, più alto sarà il tasso di interesse che un’obbligazione pagherà.

5. Fondi negoziati in borsa (ETF)

Un ETF è uno strumento simile a un fondo indicizzato, tuttavia, gli ETF vengono scambiati come azioni in borsa. Ciò significa che possono subire variazioni di prezzo e possono essere acquistati e venduti a mercato aperto, proprio come le azioni.

I vantaggi di un investimento in ETF includono flessibilità nell’acquisto e nella vendita, commissioni di gestione molto basse e opportunità di diversificazione.

Puoi acquistare un ETF direttamente utilizzando un conto di brokeraggio o una piattaforma di investimenti.

In questo articolo ne abbiamo consigliati alcuni dei migliori: I migliori broker per investire

6. Interesse semplice

L’interesse semplice è l’interesse calcolato sul capitale investito e non include gli interessi su eventuali interessi già maturati (il cosiddetto interesso composto).

Ad esempio, se abbiamo un investimento che ci rende un interesse semplice annuo del 10% su 5.000,00 €, si tratta di un’interesse di 500,00 € all’anno. Non essendo quest’ultimo re-investito alla fine del primo anno, l’interesse rimarrà di 500,00 € anche per il secondo anno, per il terzo, e così via.

7. Interesse composto

L’interesse composto è uno dei termini più importanti che ogni investitore dovrebbe conoscere, è infatti il principio fondamentale che sta alla base della creazione della vera e propria ricchezza e che ogni investitore va a ricercare.

L’interesse composto non è altro che l’interesse calcolato sul capitale investito e anche sugli interessi accumulati e maturati fino ad oggi.

Ad esempio, se abbiamo un investimento che ci rende un interesse annuo del 10% su 5.000,00 €, si tratta di un’interesse di 500,00 € all’anno.

Se l’interesse maturato alla fine del primo anno viene investito nuovamente, il secondo anno il nostro capitale investito sarà di 5.500,00 € e l’interesse del 10% ammonterà a 550,00 €, il terzo anno il nostro capitale investito sarà di 6.050,00 € e l’interesse ammonterà a 605,00 € e così via.

Con questo piccolo grafico possiamo vedere meglio come il lavoro dell’interesse composto porti ad una crescita esponenziale del proprio capitale.

Grafico della crescita esponenziale del capitale grazie all’interesse composto.

8. Mercato ribassista (Bear Market)

Questa è una condizione di mercato in cui i prezzi dei titoli stanno diminuendo, perché i venditori hanno sopraffatto gli acquirenti, e le prospettive di mercato sono pessimistiche e ribassiste.
Il termine Bear (orso in inglese) deriva dal movimento dell’attacco di un’orso, dall’alto verso il basso, proprio come un grafico ribassista.

9. Mercato rialzista (Bull Market)

Questa è una condizione di mercato in cui i prezzi dei titoli sono in aumento perché gli acquirenti hanno sopraffatto i venditori e le prospettive di mercato sono ottimistiche e rialziste.
Il termine Bull (toro in inglese) deriva dal movimento dell’attacco di un toro, dal basso verso l’alto, proprio come un grafico rialzista.

10. Posizione lunga (long)

Una posizione lunga si definisce tale quando un investitore acquista un’azione o un titolo con l’intento di mantenerla per un lungo periodo, con l’aspettativa che il prezzo aumenti costantemente per tutta la durata dell’investimento.

11. Vendita allo scoperto (short selling)

È una tecnica di trading in cui un trader vende un titolo/azione che ha preso in prestito tramite il proprio broker, con l’aspettativa che il prezzo del titolo diminuirà e può quindi riacquistarlo a un prezzo inferiore, restituire le azioni al prestatore e mantenere la differenza come profitto.

È una tecnica molto rischiosa e non per i deboli di cuore.

12. Diversificazione

Questa è una tecnica di gestione del rischio in cui dividi i tuoi investimenti su diverse classi di attività (azioni, obbligazioni, materie prime, immobili, valute) in modo da ridurre l’esposizione che hai a qualsiasi attività e ridurre il rischio dell’intero portafoglio.

La diversificazione può aiutare a prevenire la perdita totale se il mercato subisce uno sconvolgimento.

13. Tolleranza al rischio

La tolleranza al rischio è il livello di rischio finanziario o di incertezza che un investitore è disposto ad assumersi. La tolleranza al rischio può essere influenzata dal background di un investitore, dall’età, dall’orizzonte di investimento, dalla capacità finanziaria, dalla conoscenza degli investimenti e da molti altri fattori.

Sulla scala della tolleranza al rischio, un investitore può essere molto avverso al rischio o può essere amante del rischio. Un investitore avverso al rischio preferisce un approccio di investimento conservativo con rischio e rendimento limitati.

14. Rischio finanziario

Il rischio finanziario si riferisce all’incertezza dei rendimenti e alla potenziale perdita finanziaria. Ogni investimento comporta un livello di rischio, ma alcuni investimenti sono più rischiosi di altri.

15. Volatilità di mercato

La volatilità di mercato è il tasso di variazione del prezzo di un’azione o di un titolo. I prezzi delle azioni normalmente salgono e scendono.

La volatilità è elevata quando il prezzo cambia rapidamente in un breve periodo di tempo.

Un’elevata volatilità potrebbe significare un’elevato livello di rischio, ma anche maggiori occasioni di ottenere un guadagno; al contrario, una bassa volatilità significa una maggiore stabilità dell’investimento con rischi e guadagni ridotti.

La volatilità spesso aumenta in determinati periodi, a fronte di notizie, crisi economiche, problemi, oppure avvenimenti positivi che spingono gli investitori a porre più forte attenzione sui mercati.

16. Liquidità

È la capacità di convertire un bene mobile o immobile in denaro liquido o moneta legale, in tempi rapidi e senza subire slittamenti o perdite di valore.
Più questa conversione avviene in tempi rapidi e a costi ridotti e più il bene può essere considerato liquido.

17. Rapporti di spesa

Il rapporto spese si riferisce alle commissioni annuali pagate per la gestione professionale dei tuoi soldi. Di solito include commissioni di gestione, spese amministrative e altre spese.

Rapporti di spesa elevati possono incidere profondamente sui rendimenti complessivi che gli investitori ottengono sui loro investimenti. Ridurre al minimo i costi di investimento nel corso della tua vita di investitore può significare la differenza tra rendimenti medi e superiori alla media.

18. Dividendi

Il dividendo si riferisce al denaro pagato da una società ai suoi azionisti. Vengono materialmente erogati parte dei profitti societari.

Come iniziare ad investire e perché dovresti farlo?

Conoscere il significato di questi termini è molto utile, ma lo è ancora di più la concretezza di crearsi un fondo di investimento dedicato alla propria pensione. Che tu sia appassionato di teoria o no, puoi già cominciare subito a creare la tua pensione.
Noi del MIPAI utilizziamo il metodo nr. 1° in Italia per la creazione di una pensione anticipata indipendente e offriamo servizi di assistenza ai tuoi investimenti con metodi protetti e specializzati per il pensionamento.

Tramite il form qui sotto, puoi prenotare una chiamata con un allenatore MIPAI che ti spiegherà meglio cosa facciamo e, soprattutto, ti mostrerà nel dettaglio cosa puoi ottenere investendo in maniera efficace nel tuo fondo vitalizio dedicato al pensionamento.

 

I migliori broker per investire

Per iniziare ad investire o per creare il tuo piano di accumulo, che ti porterà alla tua pensione anticipata indipendente, avrai necessariamente bisogno della giusta strategia d’investimento e di un metodo vincente da seguire, che sia specializzato per questo scopo, la creazione di un fondo dedicato al pensionamento.
Una volta definita la strategia, occorrerà selezionare il broker più adatto alle tue esigenze.
Vediamo insieme alcune tra le migliori piattaforme d’investimento disponibili.

[Read more…] about I migliori broker per investire

Il piano di accumulo che tutti dovrebbero avere. (Con raddoppio)

Esiste un piano di accumulazione dei risparmi che ti porta a risultati esponenziali e sicuri nel tempo. Ecco il piano che dovrebbero avere tutti..
(altro…)